Erogazione contributo economico per l′′eliminazione delle barriere architettoniche  

CHE COSA È E A CHE COSA SERVE :  

La Legge 13/89 “ Disposizioni per favorire il superamento e l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati “ e le successive integrazioni, ha introdotto la possibilità di richiedere contributi pubblici per l’eliminazione delle barriere architettoniche e delle barriere localizzative negli edifici.

Hanno diritto ai contributi regionali per la realizzazione degli interventi finalizzati all’abbattimento delle barriere architettoniche “ i portatori di menomazioni o limitazioni funzionali permanenti, ivi e compresa la cecità, ovvero quelle relative alla deambulazione ed alla mobilità, nonché coloro che hanno a carico i citati soggetti o il condominio ove risiedono le suddette categorie di beneficiari “.

Il contributo, che ha un tetto massimo pari a € 7.101,28, viene determinato in base alla spesa sostenuta e comparata.

La richiesta di contributo, in carta da bollo, deve essere presentata al Sindaco del Comune in cui è sito l’immobile dal disabile ( o da parte di chi ne esercita la tutela o la potestà ) o dal proprietario, nel caso in cui la persona disabile sia affittuaria dell’immobile nel quale egli ha la residenza abituale.

Nel caso in cui le spese siano sostenute da un condominio, la domanda deve essere presentata dall’amministratore e controfirmata dalla persona disabile.

La domanda deve essere presentata al Comune entro il 1 marzo di ogni anno. Dopo la verifica dell’ammissibilità della richiesta, il Comune inoltra la richiesta di fabbisogno annuale alla Regione Lombardia entro il 31 marzo.

I tempi per la successiva erogazione del contributo dipendono esclusivamente dalla stessa Regione Lombardia.

Alla domanda deve essere allegato:

- il certificato medico redatto da qualsiasi medico attestante l’handicap del richiedente ed eventualmente la certificazione dell’A.S.L.;

- l’autocertificazione indicante l’ubicazione dell’immobile e gli ostacoli alla mobilità;

- il relativo preventivo di spesa.



Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi all’Assistente Sociale di riferimento, previo appuntamento, telefonando al numero 02.959697255.

DOVE RIVOLGERSI :  

UFFICIO SERVIZI SOCIALI

Comune, Via Roma, 31

RESPONSABILE :  

Dottoressa Michela Gerli

Versione Stampabile Versione Stampabile